NOVITA’ DALLA SCIENZA SUL DIMAGRIMENTO!

C’è una cosa che forse ignori sul dimagrimento che rende tutto inutile, ed è la scoperta di questo scienziato!

Perché per molti uomini dimagrire è così difficile da sembrare impossibile?

C’è un motivo che ancora in pochi conoscono, e più si invecchia più le cose peggiorano.

Il metabolismo frena, i muscoli diminuiscono, le energie crollano, e la voglia e il tempo disponibile per mettersi d’impegno spariscono.

Chi ha voglia di mangiare cibo per uccellini alla sera o fare una faticaccia in palestra, dopo una estenuante giornata di lavoro?

Ben pochi.

E per i coraggiosi che ci provano, troppa è la frustrazione di fare mille sacrifici e poi tornare al punto di partenza appena mollano un minimo.

Io ero uno di questi, uno che ha provato di tutto e ci ha messo il massimo impegno…

Ma sentivo dentro di me una fortissima resistenza.

Come se nuotassi controcorrente facendo un’enorme fatica, per poi tornare velocemente a riva appena mi riposavo un secondo.

“Possibile che non ci sia un modo più semplice e definitivo per perdere questi kg di troppo?”

“Possibile che nel 2021 si parli sempre e solo di dieta ed allenamento, con tutta la tecnologia e la conoscenze che abbiamo?”

“Nessuno ha scoperto un modo più veloce ed intelligente?”

Queste erano le domande che mi frullavano in testa in quel periodo di grande frustrazione.

Poi un giorno, stufo di sentirmi in sovrappeso e di ricevere continuamente battutine da amici e parenti, ho preso la situazione in mano.

Ho iniziato a leggere centinaia di articoli scientifici…

E grazie anche al Dott. Pagani di cui ti parlerò più avanti, ho scoperta una verità “sepolta”.

Alla domanda “perché è così difficile dimagrire”, aveva risposto vent’anni fa il Dott. Edmond H. Fischer, vincendo il premio Nobel per la Medicina [1].

Non solo aveva scoperto qual è il “blocco” che rende così difficile dimagrire nonostante i sacrifici…

Ma anche come attivare l’interruttore del dimagrimento, e ottenere risultati con molta meno fatica.

Poi però (come spesso accade), dopo titoloni sui principali giornali internazionali, tutto è finito nel dimenticatoio.

Non so se il motivo sia perché la perdita di peso generi miliardi di Euro ogni anno, e non c’è una reale volontà di risolvere il problema…

Ma so che i risultati che si possono ottenere passando dalla modalità “accumulo” a quella “riduci-grasso”, sono eccezionali.

È proprio così che ho perso parecchia “ciccia” su pancia e fianchi…

E amici di vecchia data mi dicono che sono tornato “asciutto” e in forma com’è ero 15 anni fa, per la gioia di mia moglie.

Senza allenamenti massacranti, senza diete estreme, senza farmaci, senza sacrificare tutto…

E soprattutto senza riprendere il peso perso poco dopo.

Nota:

Questo è un articolo scritto in modo semplice per essere compreso da tutti, ma si basa sui migliori studi scientifici.

Quando vedi un numero tipo “[1]” alla fine di una frase, significa che sto citando uno studio scientifico che puoi trovare a fondo pagina.

Quanto scritto non è frutto solo di esperienze personali, ma si basa anche sulla letteratura scientifica.

Il “blocco” che impedisce il dimagrimento

Il corpo umano è geneticamente progettato per evitare di morire di fame.

Da sempre nella storia umana, e purtroppo ancora oggi nei paesi poveri, il cibo è stato scarso.

Per questo esiste una proteina chiamata “perilipina” che ordina al corpo di accumulare più grasso possibile [2].

È un meccanismo che punta a farci sopravvivere in quei periodi di carestia, che in passato potevano essere anche lunghi.

Oggi però che il cibo è diventato fin troppo abbondante e disponibile dappertutto, si rivela controproducente e dannoso per la salute.

Non c’è bisogno di accumulare, ma di ridurre il grasso in eccesso rimanendo magri e in salute nonostante la “bocca buona”.

Secondo due studi scientifici [3,4], è risultato che i partecipanti con livelli più bassi di perilipina:

Potevano mangiare fino al 25% in più degli altri senza ingrassare, ma anzi perdevano peso.

Le cellule grasse erano più piccole del 62%, quindi era molto più difficile ingrassare nel loro caso.

Hai presente quegli uomini fortunati e invidiati, che nonostante si godano la vita a tavola rimangono sempre asciutti e in forma?

Quelli che non esitano un secondo a togliersi la maglietta in spiaggia, e li vedi così sicuri di se stessi in qualsiasi occasione?

Molto probabilmente, in loro il meccanismo di “accumulo grasso” dovuto alla perilipina è disattivato.

È possibile disattivarlo anche nei meno fortunati?

Sì grazie al Dott. Edmond H. Fischer, che ha scoperta l’esistenza della Protein Kinase A (PKA) [1].

(Una molecola che “fosforilizza” la perilipina, cioè in pratica la disattiva [5]).

E in particolare grazie al Dott. Pagani che ha inventato una soluzione che ritengo geniale e molto efficace, di cui ti parlerò tra poco.

Prima di continuare però, c’è una domanda da farsi:

E’ la perilipina che blocca il dimagrimento anche nel tuo caso?

Prova a rispondere alle seguenti domande:

– Fai molta difficoltà a dimagrire?

– Se ci riesci, poi riprendi tutto velocemente appena molli un po’?

– Avverti una forte pigrizia che ti trattiene dal fare esercizio fisico?

– Avverti una gran fame che ti porta a mangiare tanto?

– Ti senti spesso stanco?

Non esiste un vero test diagnostico, ma per il Dott. Pagani queste domande sono un buon modo per inquadrare la situazione.

Se hai risposto sì ad almeno tre domande, può essere che il tuo corpo sia in modalità “accumulo grasso”.

Come si fa ad attivare il bottone del dimagrimento, e portarlo in modalità riduci grasso?

Bisogna attivare la PKA, ed ecco a te…

I 2 rimedi naturali più efficaci per entrare in modalità riduci grasso

1 – Forskolina

La Forskolina è un principio attivo estratto da una pianta tropicale.

È molto famoso nella millenaria medicina ayurvedica, per le innumerevoli proprietà benefiche.

Specialmente quelle riguardanti il dimagrimento, che sono state accertate da diversi studi scientifici.

Due in particolare [6,7], eseguiti in doppio cieco cioè ad altissimo valore scientifico, hanno constatato che chi assumeva Forskolina*:

  • Aveva ridotto il girovita del 25% in più, e i fianchi del 26% in più.
  • Aveva bruciato mediamente il 4,52 kg di grasso in più.
  • Aveva aumento il testosterone del 13%, e di conseguenza la massa muscolare, nonostante fossero sedentari.

*Rispetto ai partecipanti che pensavano di aver assunto anche loro Forskolina, ma in realtà era una capsula vuota.

(Negli studi scientifici si utilizza questo metodo per escludere qualsiasi tipo di effetto placebo, cioè provocato dalla suggestione)

2 – Yerba Mate

Una pianta tropicale dalle proprietà straordinarie, utilizzata da Cristiano Ronaldo, Messi e Pogba [8,9,10] per rimanere in forma più facilmente.

Anche in questo caso diversi studi scientifici dimostrano la sua efficacia nell’attivazione della PKA.

Due particolarmente importanti [11,12], hanno constatato che i partecipanti che assumevano Yerba Mate* avevano:

  • Perso quasi 1 kg di grasso in più
  • Ridotto girovita e fianchi
  • La capacità di perdere quasi 1 Kg in più ogni 4 persi

*Rispetto ai partecipanti che pensavano di aver assunto anche loro Yerba Mate, ma in realtà era una capsula vuota.

Questi sono due ingredienti fondamentali e molto efficaci nell’attivare la PKA.

Ma per effettuare un vero e proprio reset e partire a massima velocità…

Il Dott. Pagani ha individuato altri ingredienti naturali che sono essenziali per ottenere il massimo risultato.

Parliamo di:

1 — Alga Kelp

Una delle più ricche fonti di iodio che favorisce il buon funzionamento della tiroide.

Un organo fondamentale per avere un metabolismo veloce, tanta energia e buonumore.

2 — Seletonina

Una delle principali fonti di selenio che, in coppia con lo iodio, supporta il funzionamento della tiroide, definita la “regina del dimagrimento”.

3 — Estratto di Guggulsteroni

Una resina speciale, che la medicina ayurvedica considera quasi miracolosa per i tanti benefici che può dare.

In uno studio, i partecipanti che assumevano Guggulsteroni hanno perso 4,17 kg di grasso, ovvero più del doppio rispetto agli altri [13].

4 — Alga Laminaria

Una fonte di fucoxantina, cioè un principio attivo che può ‘risvegliare’ il metabolismo attraverso l’attivazione della proteina UCP1 [14,15].

5 — Carnitina L-Tartrato

Aiuta a trasportare il grasso nei mitocondri, così da utilizzarlo per produrre energia.

Dove procurarsi questi ingredienti al miglior prezzo e alla migliore qualità?

Bella domanda, perché non è per nulla facile.

Se anche andassi in erboristeria adesso, sperando che ci siano, e sperando che la qualità sia veramente alta…

(Altrimenti sono inutili, o magari dannosi per la salute).

Per ogni ingrediente, dovresti capire:

1 – Quale dose assumere, e quando assumerla

2 – Qual è la provenienza, e se è sicura da ingerire

3 – Come e per quanto a lungo conservarlo

E soprattutto qual è la combinazione ideale dei vari ingredienti, per ottenere il massimo risultato come visto sui vari studi scientifici.

Se anche avessi la pazienza, il tempo e i soldi per passare settimane o mesi a trovare la quadra di tutto…

(Io ho provato a farlo, e credetemi che è una gran faticaccia)

Rischi di pagarli estremamente cari perché, se presi separatamente alle dosi giuste e dalla provenienza giusta…

Questi ingredienti costano mediamente 130/140 Euro al mese.

La soluzione del Dott. Pagani per attivare la PKA e dimagrire

Il Dott. Filippo Pagani è uno dei migliori Fitness Coach in Europa, nonché l’autore di 6 programmi fitness tra i più seguiti.

Le sue scoperte hanno aiutato 10.347 uomini a perdere peso, fare il pieno di energia e conquistare una forma fisica invidiabile.

A lui si affidano anche anche imprenditori e top manager dalla vita frenetica, che vogliono il massimo risultato e non badano a spese.

“Come posso aiutare anche quegli uomini che per mancanza di tempo, soldi o energie, non riescono ad allenarsi e mangiare come dovrebbero?”

Dopo anni passati a studiare l’infinita letteratura scientifica per trovare una risposta, si è imbattuto nella scoperta “sepolta” della PKA.

Da lì, dopo numerosi studi ed esperimenti sui propri clienti, ha messo a punto la preziosa formula di Spartan Burn.

Il primo integratore formulato per aiutare a passare dalla modalità “accumulo grasso” a quella “riduci grasso”.

Perché Spartan Burn è così efficace?

Io credo per tre motivi:

1 – Perché è l’unico integratore che aiuta a passare in modalità “riduci grasso”, intervenendo sulla molecola “perilipina”.

2 – Perché lo fa utilizzando solo gli ingredienti più efficaci e della più alta qualità, nelle dosi esatte per replicare gli eccellenti risultati ottenuti negli studi scientifici.

3 – Perché è stato ideato dal Dott. Pagani, uno dei più famosi Fitness Coach in Europa, che ha aiutato più di 10.000 uomini e donne, nel perdere peso.

Immagina una macchina che prova a correre con il freno a mano tirato.

Altri integratori, attrezzi fitness o diete stravaganti, provano a far correre più velocemente la macchina nonostante il tanto fumo nero e lo stridio, con scarsi risultati.

Spartan Burn invece prima toglie il freno a mano, e poi ti aiuta a correre più veloce che mai verso il risultato desiderato.

Non è sicuramente un miracolo che ti permette di mangiare pizza e gelato tutti i giorni, spaparanzato in divano.

Però Spartan Burn lo considero il miglior alleato per dimagrire velocemente, attivando la PKA contro la Perilipina.

Abbinando l’uso di questo prodotto ad una dieta abbastanza sana e un po’ di attività fisica, potrai tornare piu’ in forma come non mai.

▶️ INFO PRODOTTO 

Fonti e Referenze Scientifiche:

1 – https://www.nobelprize.org/prizes/medicine/1992/press-release/
2 – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11101849/
3 – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11101849/
4 – https://academic.oup.com/jcem/article/89/3/1352/2844456
5 – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28754637/
6 – https://core.ac.uk/download/pdf/77983516.pdf
7 – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16129715/
8 – https://www.eurosport.it/calcio/il-mate-indispensabile-per-i-calciatori_sto7444469/story.shtml
9 – https://elpais.com/elpais/2019/01/15/icon/1547553716_444040.html
10 – https://www.thesun.co.uk/sport/football/5386609/paul-pogba-south-american-super-drink-mate-manchester-united-burnley/
11 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4583719/
12 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4190939/
13 – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10740691/
14 – https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3347018/
15 – https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15896707/

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *