DIETA CHETOGENICA ED I SUOI BENEFICI

Per più di 50 anni, le linee guida dietetiche negli Stati Uniti si sono concentrate sulla riduzione dell’assunzione di grassi saturi e totali.

Tuttavia, i tassi di obesità e diabete sono aumentati notevolmente durante questo periodo, con implicazioni potenzialmente catastrofiche per la salute pubblica e l’economia.

Di recente, le diete chetogeniche hanno ricevuto notevole attenzione da parte del pubblico in generale e della comunità della ricerca nutrizionale.

Queste diete a bassissimo contenuto di carboidrati, con grassi che comprendono> 70% di calorie, sono state scartate come mode.

Tuttavia, hanno una lunga storia nella medicina clinica e nell’evoluzione umana.

Le diete chetogeniche sembrano essere più efficaci delle diete a basso contenuto di grassi per il trattamento dell’obesità e del diabete.

Oltre alle riduzioni della glicemia e dell’insulina ottenibili attraverso la restrizione dei carboidrati, la chetosi cronica potrebbe conferire benefici metabolici unici di rilevanza per il cancro, condizioni neurodegenerative e altre malattie associate all’insulino-resistenza.

Sulla base delle prove disponibili, una dieta chetogenica ben formulata non sembra avere grossi problemi di sicurezza per il grande pubblico e può essere considerata un approccio di prima linea per l’obesità e il diabete.

Saranno necessari studi clinici di alta qualità sulle diete chetogeniche per valutare importanti domande sui loro effetti a lungo termine e il pieno potenziale della medicina clinica.

ESAME DEI PUNTI PRINCIPALI

Un secolo fa, la dieta chetogenica era uno standard di cura nel diabete, utilizzato per prolungare la vita dei bambini con diabete di tipo 1 e per controllare i sintomi del diabete di tipo 2 negli adulti.

Poiché tutte le forme di diabete condividono un problema patofisiologico di base, l’intolleranza ai carboidrati, la restrizione dei carboidrati in una dieta chetogenica (in genere ≤50 g / d con> 70% di grassi) spesso hanno

prodotto un rapido e notevole miglioramento clinico.

La scoperta dell’insulina negli anni ’20 ha permesso alle persone con diabete di controllare l’iperglicemia con diete ricche di carboidrati.

Tuttavia, il bilancio umano e l’onere economico delle complicanze del diabete continuano a crescere.

Contrariamente alle aspettative, l’adozione di una dieta a più alto contenuto di carboidrati (a basso contenuto di grassi) da parte del pubblico americano nella seconda metà del 20 ° secolo avrebbe potuto contribuire alla

crescente prevalenza dell’obesità, un importante fattore di rischio per il diabete di tipo 2.

Nonostante le comuni preoccupazioni espresse in merito alla sicurezza e alla mancanza di prove a sostegno di questa presunta moda, la dieta chetogenica ha una lunga tradizione ,non solo nella medicina clinica ma anche

attraverso l’evoluzione umana , fornendo prove di ottimismo nella ricerca per una prevenzione e un trattamento dietetici più efficaci delle malattie croniche.

La restrizione ai carboidrati è più efficace della restrizione ai grassi per il trattamento dell’obesità

Per decenni, il grasso alimentare è stato considerato la causa dell’ingrassare.

Tuttavia, ricerche recenti sottolineano una base biologica per il controllo del peso corporeo, in base alla quale gli effetti metabolici degli alimenti, più che il contenuto calorico di alimenti o nutrienti specifici, determinano il

peso corporeo a lungo termine.

Secondo il modello di obesità con carboidrati-insulina i carboidrati trasformati (ad es. La maggior parte dei pani, riso, prodotti a base di patate e zuccheri aggiunti) che hanno sostituito i grassi alimentari durante l’era della

dieta a basso contenuto di grassi promuovono la conservazione dei grassi, aumentano la fame, e un minore dispendio energetico, predisponendo all’obesità e al diabete negli individui sensibili.

La maggior parte degli studi clinici che hanno confrontato le diete variabili con macronutrienti hanno impiegato interventi a bassa intensità, insufficienti per produrre significativi cambiamenti nella dieta a

lungo termine.

Pertanto, non sorprende che le meta-analisi di questi studi mostrino poca perdita di peso a lungo termine e poca differenza tra i gruppi dietetici.

Anche così, le verifiche dei vari studi hanno scoperto che le diete convenzionali a basso contenuto di grassi sono inferiori in tutto nei confronti di diete con grassi più elevati, comprese le diete chetogeniche .

Gli studi condotti per molti anni hanno suggerito che le diete a basso contenuto di carboidrati sopprimono la fame in misura maggiore rispetto agli approcci convenzionali, tenendo conto del tasso di perdita di peso.

Ad esempio, in una piccola sperimentazione clinica degli anni ’50, le studentesse universitarie con alto peso corporeo hanno ricevuto diete ipocaloriche che variavano in rapporto carboidrati / grassi.

Gli studenti che hanno seguito una dieta povera di grassi hanno riferito di sentirsi “scoraggiate perché erano sempre consapevoli di avere fame.”

Al contrario, quelli che hanno seguito una dieta povera di carboidrati hanno

riferito ” soddisfazione ” e avevano perso più peso .

In uno studio più recente, 17 uomini con obesità hanno seguito per 4 settimane diete a bassissimo contenuto di carboidrati (4%) confronto a moderate assunzioni (35%) .

I partecipanti, hanno perso più peso e hanno riferito meno fame con la dieta a basso contenuto di carboidrati. Questo effetto potrebbe essere correlato al miglioramento degli ormoni

metabolici come ad esempio meno produzione di grelina, ormone che stimola l’appetito.

Le diete a basso contenuto di carboidrati come ottima prospettiva per il trattamento del diabete.

Un rapporto di consenso 2019 dell’American Diabetes Association ha concluso che le diete a basso contenuto di carboidrati (comprese quelle che mirano alla chetosi nutrizionale) “sono tra i modelli alimentari più studiati per il

diabete di tipo 2” e che questi “schemi alimentari, in particolare i carboidrati molto bassi … hanno dimostrato di ridurre [Hb] A1C [emoglobina glicata] e la necessità di farmaci anti-iperglicemici “.

In uno studio su 262 adulti con diabete di tipo 2 assegnato a una dieta a bassissimo contenuto di carboidrati, la perdita di peso media è stata di 11,9 kg e l’HbA1c è diminuito dell’1,0%, anche con riduzioni sostanziali nell’uso di

farmaci ipoglicemizzanti diversi dalla metformina .

Pochi studi clinici hanno esaminato la restrizione dei carboidrati nel diabete di tipo 1, probabilmente in parte a causa di preoccupazioni sull’ipoglicemia e la chetoacidosi.

In un sondaggio condotto su 316 bambini e adulti a seguito di una dieta a basso contenuto di carboidrati per il diabete di tipo 1, un eccezionale controllo glicemico (HbA1c medio = 5,7%), bassi tassi di ipoglicemia e

chetoacidosi, non è merso rischio cardiovascolare e si è registrata un’elevata soddisfazione per la gestione del diabete è stata documentata .

Le diete a basso contenuto di carboidrati potrebbero ridurre il rischio di cardiovascolare nonostante l’alto contenuto di grassi saturi.

Sebbene il colesterolo LDL può aumentare nelle diete a basso contenuto di carboidrati , in parte a causa dell’elevato contenuto di grassi saturi, la distribuzione delle dimensioni delle lipoproteine può indicare un rischio

relativamente più basso, caratterizzato da particelle più grandi e galleggianti.

A questo riguardo in uno studio è emerso che gli individui con colesterolo LDL elevato erano a minor rischio di eventi coronarici confronto a che aveva trigliceridi alti e HDL basso.

La restrizione dei carboidrati avvantaggia molteplici componenti della sindrome metabolica, un importante fattore di rischio cardiovascolare.

Una dieta a basso contenuto di carboidrati migliora l’iperglicemia, i trigliceridi, il colesterolo HDL, il fenotipo di sottoclasse LDL piccolo denso, i lipidi plasmatici ossidati e la steatosi epatica, mentre una dieta a basso

contenuto di grassi può influenzare negativamente alcuni di questi valori.

Gli studi sui grassi comportano spesso problemi perché la relazione tra grassi saturi e mortalità osservata in una popolazione generale potrebbe non applicarsi a coloro che consumano una dieta chetogenica.

Studi hanno confermato che in una alimentazione alta ingrassi saturi più si abbassavano contemporaneamente i carboidrati nella dieta più miglioravano i parametri metabolici.

Confermando che l’effetto negativo dei grassi saturi si riscontra abbinandoli ai carboidrati.

La chetosi cronica potrebbe fornire benefici metabolici unici

La chetosi , una via metabolica evolutivamente antica, potrebbe conferire ulteriori benefici, oltre a quelli delle diete prevalenti ad alto contenuto di grassi, attraverso la modulazione dell’inflammasoma, il danno ossidativo,

l’acetilazione dell’istone, la mitofagia, lo stato redox cellulare e altri meccanismi.

I chetoni sono stati definiti un “superfuel” per il cervello, dal quale i bambini possono essere particolarmente dipendenti .

Sulla base di queste azioni pleiotropiche, è stata presa in considerazione una dieta chetogenica per un’ampia gamma di condizioni di salute.

Il sito web clinictrials.comelenca attualmente ha 85 studi pianificati o attivi di una dieta chetogenica o a basso contenuto di carboidrati per malattie di numerosi sistemi di organi, inclusi cardiovascolari, endocrini,

gastrointestinali, neurologici e psichiatrici .

Ulteriori prove sono state completate ma non ancora pubblicate.

Cancro , disturbi neurodegenerativi e neuropsichiatrici

Gli effetti metabolici di una dieta chetogenica possono avere particolare rilevanza per l’oncologia.

Molti tumori contengono difetti mitocondriali, rendendoli dipendenti dalla fermentazione glicolitica, un percorso di generazione di energia inefficiente rispetto alla fosforilazione ossidativa .

Una dieta chetogenica mirata a questo effetto detto di Warburg che potrebbe far morire di fame le cellule cancerose senza tossicità per le cellule normali, diminuendo le concentrazioni postprandiali di glucosio nel sangue.

Altri meccanismi assunti da questa dieta includono la ridotta secrezione di insulina.

Alla luce dei potenti effetti dei chetoni nel cervello, una dieta chetogenica ha anche generato un notevole interesse per i disturbi neurodegenerativi e neuropsichiatrici.

Rapporti preliminari suggeriscono che i pazienti con malattia di Alzheimer, caratterizzati da insulino-resistenza centrale, mostrano un miglioramento clinico con una formula chetogenica o chetoni esogeni .

Dopo un breve periodo di transizione una dieta chetogenica può anche migliorare l’umore generale, anche se i risultati variano tra gli studi .

Le diete chetogeniche sono sicure

È stata espressa preoccupazione per la sicurezza delle diete chetogeniche sulla base di casi clinici di bambini con epilessia che descrivono problemi gastrointestinali, nefrolitiasi, anomalie cardiache e scarsa crescita, ma questi

rapporti devono essere interpretati con cautela per diversi motivi.

In primo luogo, la dieta chetogenica utilizzata in questo contesto clinico, è in genere più estrema spesso con oltre 85% di grassi.

In secondo luogo, i pazienti con epilessia possono avere altri problemi di salute o l’uso di farmaci che predispongono alle complicanze, per i quali il cittadino comune non sarebbe a rischio.

In terzo luogo, il fatto che non siano segnalati effetti avversi nonostante l’attuale popolarità della dieta chetogenica e la sua estesa applicazione alla popolazione in generale (ad esempio, 5 dei 10 migliori libri dietetici più

venduti su Amazon), fornisce una notevole rassicurazione.

Non si conosce in realtà la necessità di fibra alimentare o carboidrati nella dieta dell’uomo!

Alcuni hanno sostenuto che il rischio maggiore “della dieta chetogenica potrebbe essere quello di non mangiare carboidrati ricchi di fibre e non raffinati” .

A questo riguardo indicano analisi di studi osservazionali che hanno trovato associazioni protettive di assunzione di grano con problemi cardiovascolari, cancro e mortalità totale.

Tuttavia, tali studi possono riguardare solo l’ apparente salubrità di un alimento specifico rispetto ad alimenti che altrimenti sarebbero stati consumati.

Anche se prove evidenti indicano i benefici del consumo di cereali integrali anziché di cereali raffinati (il tipico compromesso nelle popolazioni con diete a base di cereali).

In realtà gli studi non devono mettere a confronto diete con cereali raffinati e cereali integrali, ma l’utilizzo dei cereali integrali confrontano con gli alimenti a basso contenuto di carboidrati consentiti con una dieta chetogenica.

Sulla base di questo problema, una recente meta-analisi di studi clinici ha scoperto che le diete ricche di cereali integrali, rispetto alle diete di controllo, non hanno avuto alcun effetto complessivo sulle misure del grasso

corporeo; tra gli studi condotti con diabete, sindrome metabolica o sovrappeso / obesità, il consumo di cereali integrali ha aumentato addirittura l’indice di massa corporea.

Certo, le diete ad alto contenuto di carboidrati sono state consumate da alcune popolazioni con bassi tassi di malattia cronica correlata all’obesità (ad esempio, “zone blu” in Asia), sebbene queste abbiano tipicamente avuto

tendenzialmente alti livelli di attività fisica professionale (ad esempio, agricoltura di sussistenza) e disponibilità calorica totale limitata.

Tuttavia, questi benefici per la salute del consumo di grano tra le popolazioni con obesità e resistenza all’insulina non si riscontrano anzi sono altamente prevalenti.

In effetti, le diete prive di carboidrati (e quindi senza fibre) durante la maggior parte dell’anno sono state consumate dagli esseri umani, ad esempio i nativi americani delle Grandi Pianure, Lapponi, Inuit e altre società

tradizionali di cacciatori-raccoglitori temperati e climi artici.

Conclusioni degli autori

Al di là dell’affaticamento e di altri sintomi transitori dopo l’adozione iniziale, una dieta chetogenica ben formulata non sembra avere grossi problemi di sicurezza per la popolazione generale.

Sulla base delle prove disponibili, una dieta chetogenica può essere considerata un approccio di prima linea per il trattamento dell’obesità e del diabete di tipo 2.

Una dieta chetogenica promette di agire efficacemente anche su una serie di altre condizioni croniche, a volte intrattabili, associate a disfunzione metabolica, come diabete di tipo 1, steatoepatite, malattie neurodegenerative e

cancro.

Infine, vale la pena notare che la dieta chetogenica ha suscitato polemiche e pregiudizi, in parte perché le linee guida convenzionali hanno da anni enfatizzato i danni delle elevate assunzioni di grassi totali e saturi e oltre a

questo si crede erroneamente che la dieta chetogenica sia iperproteica.

In pratica visti i benefici evidenti della chetogenica si promuoveranno studi volti ad aumentarne la comprensione.

In conclusione mi sento di inserire anche un mio commento.

Quali ulteriori conferme abbiamo da questa recensione che va ad aggiungersi ai molteplici studi già pubblicati?

Sostanzialmente una cosa: la chetogenica non è affatto un fenomeno modaiolo.

Ma è la naturale funzione del nostro organismo che da sempre utilizza per curare, prevenire patologie e soprattutto garantire benessere.

La scienza medica 100 anni fa ha iniziato a prenderne atto in modo più ufficiale.

Ultima annotazione: la chetogenica non è stata inventata ma semplicemente scoperta.

 

Fonte

https://academic.oup.com/jn/advance-article/doi/10.1093/jn/nxz308/5673196?fbclid=IwAR2sTEOqc- 3rycquKMyaOanQgZFqKf2iGy9cwM9UGolz6nriabmcVF8Obuo

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *