GLUCOSAMINA E CONDROITINSOLFATO: DUE SOSTANZE CONTRO I VOSTRI ETERNI DOLORI ARTICOLARI

Due sostanze che hanno rivoluzionato il modo di trattare i problemi alle cartilagini.

Migliorano e curano definitamente anche la più ostica delle artriti, ma stanno dando risultati fenomenali anche n​​​​​​​ei più comuni dolori alle ginocchia, ai gomiti e, soprattutto, alle spalle di molti frequentatori di palestre e non.

​​​​​​​Ma nuovi studi dimostrerebbero che allungherebbe anche la vita….

Continua a leggere

Cos’è la dieta chetogenica e perché aiuta a curare il Covid: lo studio di Bassetti e Sukkar

Quando si parla di Covid, i casi spesso sono due.

Quelli che parlano perché hanno sentito l’amico o il cugino e quelli che si basano sulle riviste scientifiche.

O, sottocategoria ancor più importante di questa seconda squadra, quelli che scrivono sulle riviste scientifiche.

L’ultima pubblicazione, freschissima, arriva da una rivista a stelle e strisce, “Nutrition”, una sorta di bibbia delle scienze della nutrizione e delle diete, che ieri ha pubblicato uno studio firmato dal dottor Samir Giuseppe Sukkar e dal professor Matteo Bassetti, che sono il primo direttore della Dietetica e Nutrizione Clinica e il secondo direttore della Clinica di Malattie Infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino di Genova, e dai loro gruppi di lavoro.

Continua a leggere

Craving: come si indagano i sintomi delle dipendenze?

“So’ resistere a tutto tranne che alle tentazioni”.

Oscar Wilde, attraverso uno dei suoi personaggi più iconici, l’edonista Dorian Gray, dava voce al suo tormentato rapporto con il controllo degli impulsi, in particolare quelli legati all’abuso di sostanze (risaputa è la dipendenza da oppio dell’autore irlandese).

Oggi, parallelamente alla diffusione di internet e dei social media, che sono diventati uno strumento di comunicazione globale, si sta verificando una tendenza ad un uso eccessivo o inadeguato di queste tecnologie che potrebbe portare allo sviluppo di una nuova dipendenza, quella da Internet, i cui sintomi sono simili a quelli del disturbo da dipendenze da sostanze.

Continua a leggere

PERCHÉ IL CAPITALISMO NON VUOLE FARCI DORMIRE

Dopo aver occupato il tempo libero con l’industria dell’intrattenimento ed essersi appropriato dello spazio sociale attraverso la creazione di centri commerciali sempre più imponenti che, di fatto, hanno finito col sostituirsi alla piazza, l’ultimo tassello strategico che il capitalismo contemporaneo intende perseguire è quello di creare i presupposti per la realizzazione di un mondo abitato esclusivamente da insonni.

Dei morti di sonno, dei derelitti sottomessi al dogma della produttività, sempre disposti a sacrificare il proprio tempo sull’altare del lavoro e del consumo.

È questa la società ideale che le multinazionali tentano di venderci come desiderabile: una comunità di zombie, un gregge di nottambuli stanchi, infelici e ad altissimo tasso di rendimento. Continua a leggere

SAD (disturbo affettivo stagionale) lo si puo’ curare con la terapia a luci rosse

Diventa buio pesto alle 17:30 a gennaio e febbraio, e milioni di persone stanno soffrendo la tristezza invernale, nota anche come disturbo affettivo stagionale (SAD).

I giorni più brevi con meno luce naturale rendono più difficile rimanere in buona salute, fisicamente e mentalmente.

Alcune lunghezze d’onda della luce hanno un effetto sul sistema immunitario, supportano una sana risposta infiammatoria e inviano segnali al tuo ritmo circadiano o all’orologio interno del tuo corpo, e senza quelle lunghezze d’onda puoi iniziare a sentirti a disagio.

Continua a leggere